Chi siamo


I Soci

Claudio, Davide, Giacomo, Luca, MaxPaolo, Emanuele, David e Orazio sono dei cristiani “nati di nuovo” e sono impegnati spiritualmente e praticamente nell’associazione cristiana: 

Bethesda – Ama il tuo prossimo Onlus

Il Signore ci ha fatti incontrare diversi anni fa e crescendo spiritualmente attraverso lo studio della Scrittura, abbiamo realizzato che per ogni cristiano l’impegno missionario non è un’opzione ma un comandamento!
Spesso è difficile riuscire a conciliare lavoro secolare e missione, ma siamo consapevoli che Dio può prendere anche una minima parte del nostro tempo e renderla assolutamente proficua per il Suoi scopi.


Claudio
Claudio

Abito in provincia di Milano, ho tre figlie e di professione sono un preparatore atletico, in passato sono stato un agente di commercio in ambito pubblicitario.
Ho deciso di unirmi a Bethesda perché sentivo il bisogno di impegnarmi per il Signore esattamente come dice la Bibbia in Galati 6:2
Portate i pesi gli uni degli altri, e così adempirete la legge di Cristo”. Mi sono accorto solo in seguito che è l’unico lavoro che mi arricchisce veramente!


Davide

Vivo a Catania, sono sposato e ho due figli. Sono direttore di negozio per una nota azienda italiana di giocattoli. La mia voglia di far parte di questo grandissimo progetto era presente da tempo, da quando me na ha parlato il mio collega e fratello in fede, Luca. Mi esponeva con passione le attività e i bisogni della missione e sapeva già che anche io ne avrei voluto far parte, nonostante le difficoltà logistiche che ci separavano. Tuttavia il Signore mi ha sempre messo davanti ad opere verso il prossimo ed ho sempre desiderato aiutare qualcuno a stare meglio contando sempre e solo sul Suo aiuto.
Il motivo scatenante dell’entrata in Bethesda, sono stati i bambini, chi meglio di un padre può capire! L’idea di fare qualcosa nel nome di Dio e di aiutare chi non ha nulla, a conoscere Cristo, mi rende felice e mi rassicura anche se spesso io mi senta mancante nella vita spirituale e comunitaria. 


Giacomo
Giacomo

Veronese di nascita, vivo in Svizzera, dove lavoro come responsabile di prodotto per una nota azienda di abbigliamento. 
Sinceramente non so perché sono entrato a far parte di Bethesda, so solo che è una “cosa” che viene da dentro, e sono certo che questa “cosa” è la chiamata che il Signore mi ha messo nel cuore. Grazie a questa missione abbiamo visto dei miracoli in termini di conversioni a Cristo e vite trasformate di diverse persone, compreso me stesso, e per questo ringrazio il buon Dio che ha operato nella mia vita… innanzitutto salvandomi! “Perché i doni e la vocazione di Dio sono irrevocabili”. Romani 11:29


Luca
Luca

Vivo nel hinterland milanese, ma sono umbro di origini, lavoro per le Risorse Umane di una nota azienda italiana di giocattoli. Fosse stato per me non avrei mai scelto di servire il Signore attraverso Bethesda e soprattutto in Romania, ma questo versetto mi ha fatto cambiare idea. Matteo 21:28-29
«Che ve ne pare? Un uomo aveva due figli e rivolgendosi al primo disse: “Figlio, va’ oggi a lavorare nella mia vigna”; ma egli rispose e disse: “Non voglio”; più tardi però, pentitosi, vi andò.


Max
Max

Sono sposato e ho due figli, abito nel Hinterland milanese, ma anche io sono di origini umbre.  Lavoro come agente di polizia locale. Quello che mi ha spinto ad entrare in Bethesda è stato il rimanere impressionato dai bisogni enormi di questi bambini non solo materiale, ma anche emotivo ed affettivo. Così quando la precedente associazione stava per chiudere e tutto stava per perdersi, abbiamo pregato ed il Signore ed Egli ha risposto chiamandoci a continuare la Sua opera, in modo che quello che era stato iniziato anni addietro non andasse perduto.


Paolo
Paolo
Sono sposato e vivo in Svizzera anche se di origini veronesi. Mi occupo di produzione per una nota casa di abbigliamento.  Quello che mi ha spinto ad entrare in Bethesda è proprio l’amore verso quest’ultimo. Mi è sembrato doveroso condividere con chi è nell’estremo bisogno, anche dei beni essenziali, almeno una parte dei doni che Dio mi ha donato in abbondanza. “Infatti è per grazia che siete stati salvati, mediante la fede;  e ciò non viene da voi: è il dono di Dio. Non è in virtù di opere affinché nessuno se ne vanti; infatti siamo opera sua, essendo stati creati in Cristo Gesù per fare le opere buone, che Dio ha precedentemente preparate affinché le pratichiamo.” Efesini 2: 8-10

Emanuele

Conoscendo alcuni dei soci, sapevo già della realtà di Bethesda e del suo lavoro in Romania tra i bambini e le famiglie.
Quello che mi ha spinto ad entrare a far parte dell’associazione e ad affrontare i viaggi, l’ultimo dei quali in macchina, è stato il pensiero di poter fare qualcosa di concreto, di reale per il prossimo.
Non la classica donazione di denaro, che pur essendo positiva impegna giusto il tempo di un

bonifico, ma il contatto diretto con le persone ed i luoghi del vero bisogno.
Ogni viaggio parte con l’intento di dare, di spendersi il più possibile per gli altri, ma poi scopro che quello che ricevo, che conservo nel cuore, supera grandemente le mie intenzioni iniziali.
Inoltre da quando sono diventato papà è nata in me un grande sensibilità verso i bambini,oggetto principale dei viaggi in Romania.
Ogni viaggio termina con un calendario alla mano, pensando già ad una nuova partenza.


David
L’amore per i bambini rumeni è nato 13 anni fa al mio primo viaggio, assieme all’associazione che lavorava nei territori prima di Bethesda. Il Signore mi ha riportato in Romania 10 anni dopo, e l’amore è tornato immediatamente, non ho dovuto decidere, ha deciso Dio per me. Sperimentare la gioia che solo Dio ci dà nel poter aiutare i bambini, conoscere tutti voi, sentirsi partecipe della volontà del Signore di aiutare e servire, è una cosa meravigliosa e ho la convinzione che il Signore stia benedicendo enormemente questo progetto. Atti 20:35 dice: In ogni cosa vi ho mostrato che bisogna venire in aiuto ai più deboli lavorando così, e ricordarsi delle parole del Signore Gesù, il quale disse egli stesso “vi è più gioia nel dare che nel ricevere “.

Orazio
Orazio

Nato in Germania ma pugliese di origini, vivo in provincia di Milano. Sono sposato ed ho due bimbi. Nella vita quotidiana mi occupo di tecnologie per una azienda di comunicazione pubblicitaria. Aver collaborato, anche se con poca convinzione, con chi aveva iniziato a lavorare tra i poveri della Romania-Moldova più di 10 anni fa, ma aver visto e sentito l’odore della povertà, ha messo un grande peso sul mio cuore. Mi ha fatto realizzare che Dio mi stava chiamando ad amare dedicando il mio tempo, le mie risorse e compiere le opere che Lui stesso aveva preparato e messo sulla mia strada affinché io potessi compierle. Così quando Dio mi ha presentato Bethesda non ho potuto rifiutare ed ho preso un impegno sacro con Lui. “È un laccio per l’uomo fare un voto sconsideratamente, e dopo aver fatto il voto ripensarci.”  Proverbi 20:25